martedì 8 maggio 2012

COS'È LA DISMORFOFOBIA


Si chiama dismorfofobia l'eccessiva preoccupazione su un presunto difetto del proprio corpo. L'esperta risponde a 3 domande per capire di che cosa si tratta e che cosa fare.

La dismorfofobia, la preoccupazione eccessiva per un presunto difetto del proprio corpo, riguarda 1 persona su 100: quasi sempre donna, tra i 13 e i 25 anni. Le parti su cui si concentra l'autocritica sono pelle, capelli, aree del volto, genitali e peso. A volte l'intero fisico. Iolanda Candidi, psicologa clinica, aiuta a fare chiarezza.

Come capire se ne soffro?
"Tenere molto al proprio aspetto non vuol dire necessariamente essere dismorfofobica. Puoi esserlo se tendi ad attribuirti difetti che in realtà non hai e gli altri non ti riconoscono, e se il pensiero diventa ossessivo al punto da causare difficoltà nelle tue relazioni. Spesso la paura di non piacere porta alla chiusura in se stessi".

Da dove nasce?
"Spesso si presenta in chi ha scarsa autostima e difficoltà a gestire i rapporti con gli altri. La ricerca della perfezione può essere legata a eccessive aspettative di familiari e amici o al tentativo di conformarsi a canoni estetici per compensare insicurezza e scarsa fiducia".

Come se ne esce?
"La prima cura è la prevenzione (lo sport è un'ottima via per creare un rapporto sano con il corpo). Un colloquio con lo psicologo può aiutarti a valutare l'entità del problema e a trovare la chiave per superarlo. Potrebbe insegnarti tecniche di rilassamento da provare prima di specchiarsi, che ti aiutino a dominare l'ansia".

★.★ Dal sito COSMOPOLITAN:  http://www.cosmopolitan.it/for-you/cos-e-la-dismorfofobia ★.★

Nessun commento:

Posta un commento